La Locanda del Terzo Settore “Centimetro zero”, a Pagliare del Tronto, il ristorante speciale  gestito insieme ai ragazzi del centro diurno,  ha raggiunto con successo il secondo compleanno con dati  significativi:  più di 200 ingressi settimanali e  27 persone coinvolte. Un modello innovativo di locanda sociale in cui l’attività di ristorazione è il punto di arrivo e di partenza di un progetto molto più ampio che coinvolge la disabilità, l’autoproduzione e il recupero creativo.

Un locale originale dove si bruciano le distanze anche in cucina con “zero zucchero, zero sale e zero conservanti”. Dal prossimo mese di Ottobre partirà una nuova sfida  per abbattere nuove barriere  e consegnare ai ragazzi con disabilità una “patente” spendibile anche all’esterno della struttura. “Dal lavoro all’integrazione con un importante percorso di formazione – ha spiegato Emidio Mandozzi (Cooperativa sociale Ucof) responsabile della Locanda – affinché i giovani possano spendere sul mercato del lavoro non solo la propria disabilità ma anche e soprattutto le loro capacità e competenze. Crediamo che la vera integrazione consista proprio in questo”.

Il progetto è realizzato insieme alla Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno che ha investito nell’iniziativa ritenendola importante e strategica . L’obiettivo futuro è quello di garantire la continuità dell’intervento anche attraverso l’integrazione delle attività lavorative e laboratoriali ed estendendo il modello operativo ad un più vasto ambito territoriale. Per la realizzazione dell’intervento “I disabili ed il lavoro”.