UNA SERIE DI APPUNTAMENTI DI GRANDE RILIEVO PER IL CINECIRCOLO

Una serie di appuntamenti importanti per il Cinecircolo “Don Mauro – Nel corso del tempo”.

Si inizia giovedì 12 aprile alle ore 21 con la partenza del secondo ciclo dell’attesa rassegna “Il gusto del Cinema – Proiezioni e degustazioni”. Verrà proiettato “Le mele di Adamo” (2005, 94’) di Anders Thomas Jensen. Il ciclo sarà presentato da Raimondo Cinciripini de “La Bottegola”. Seguirà la degustazione di mele rosa dei Sibillini dell’Azienda agricola “La golosa” di Montelparo.

La rassegna proseguirà giovedì 19 aprile 2018 con la proiezione di “La battaglia di Haksaw Ridge” (2016, 139’) di Mel Gibson cui seguirà la degustazione di cibo giapponese a cura del Ristorante “Sushi Kaiten” di Corso Mazzini. Si concluderà il 03 maggio 2018 con la proiezione di “Ritorno in Borgogna(2017, 113’) di Cédric Klapisch e la degustazione di vini dell’Azienda agricola “La Valle del Sole” di Offida. In quel caso la degustazione sarà guidata dal delegato Sommelier per Ascoli Piceno, Marica Spuria.

Domenica 15 aprile ore 18.30 tutti i soci sono invitati presso il CineTeatro “Piceno” per la proiezione de “Il cratere” di Silvia Luzi e Luca Bellino. Film presentato in concorso alla 32° Settimana Internazionale della Critica della Mostra del Cinema di Venezia e premiato al 30° Tokyo International Film Festival (Special Jury Prize). I soci del Cinecircolo, presentando la tessera dell’anno in corso, avranno diritto all’accesso a prezzo ridotto.

Ma non finisce qui: una serata dedicata al cinema d’autore! Lunedì 16 aprile, ore 21, presso il Cinecircolo proiezione de “La sera della prima” (1977, 138’) di John Cassavetes. La presentazione e la guida alla visione del film sarà di Giuseppe Piccioni presente in sala. E’ il secondo appuntamento del ciclo sui film “…imperdibili” suggeriti dal regista ascolano che introdurrà di volta in volta alla lettura di un pilastro del cinema. Nel novembre scorso fu proiettato in lingua originale (con sottotitoli in italiano), riscuotendo grandissimo apprezzamento dal pubblico presente, “To be or not to be (Vogliamo vivere)” di Ernst Lubitsch.